EmatologiaNews.net


News

Triossido di Arsenico nel trattamento della leucemia promielocitica acuta

Il 20-30% dei pazienti con leucemia promielocitica acuta trattati con ATRA ( acido tutto-trans retinico ) e con un’antraciclina vanno incontro a recidive della malattia. I Ricercatori del Department of Leukemia della University of Texas Anderson Cancer Center ad Houston ( Usa ) hanno trattato 12 pazienti con recidiva di leucemia promielocitica già sottoposti ad ATRA , con Triossido di Arsenico per via endovenosa ( 0,15 mg/kg/die ) fino al raggiungimento di una completa remissione o fino ad un massimo di 60 giorni. I pazienti presentavano un’età media di 44 anni ( 26-72 anni ) e la durata media della prima remissione è stata di 52 settimane ( 23-292 settimane ). Tutti e 12 i pazienti hanno ottenuto una remissione completa nell’arco di 52 giorni ( 27-75 giorni, in media ). In 7 su 10 pazienti valutabili, è stata ottenuta una remissione molecolare. Successivamente i pazienti sono stati trattati: 4 con Triossido di Arsenico, da solo; 6 con Triossido di Arsenico ed altri chemioterapici; 2 con Idarubicina ed Atra, senza Triossido di Arsenico. Otto pazienti sono rimasti in remissione completa dopo un periodo di follow-up di 24 mesi ( 9-45 mesi ). Gli effetti collaterali sono risultati lievi, ad eccezione di 2 pazienti che hanno sviluppato neuropatia periferica di grado 2 e 3 ; uno di questi pazienti ha dovuto interrompere il trattamento. ( Xagena2003 ) Lazo G et al, Cancer 2003; 97:2218-2224