EmatologiaNews.net


News

Leucemia mieloide cronica in fase cronica: terapia con Sprycel

Dasatinib ( Sprycel ) è un inibitore BCR-ABL, con una potenza 3.5 volte maggiore rispetto ad Imatinib ( Glivec ) nei confronti di BCR-ABL non-mutato, in vitro.

Il fallimento del trattamento con Imatinib è comunemente causato da mutazioni BCR-ABL.

Uno studio ha esaminato l’efficacia di Dasatinib nei pazienti reclutati per studi di fase II/III, e affetti da leucemia mieloide cronica in fase cronica con o senza mutazioni BCR-ABL dopo un precedente trattamento con Imatinib.

Tra i 1.043 pazienti, il 39% presentava una preesistente mutazione BCR-ABL, comprendente il 48% degli 805 pazienti con resistenza all’Imatinib o risposta sotto-ottimale.

Al basale sono state riscontrate 63 differenti mutazioni BCR-ABL, che hanno interessato 49 aminoacidi.

Dopo 2 anni di follow-up, il trattamento con Dasatinib dei pazienti con resistenza ad Imatinib, con o senza mutazione, ha prodotto una sensibile risposta ( risposta citogenetica completa: 43% versus 47% ) e una durevole sopravvivenza libera da progressione ( 70% versus 80% ).

Un’alta percentuale di risposte è stata raggiunta con differenti mutazioni, ad eccezione di T315I, tra cui le mutazioni con alta resistenza ad Imatinib nella regione P-loop.

Dallo studio è emerso che, in generale, Dasatinib, presenta un’efficacia duratura nei pazienti con o senza mutazioni BCR-ABL. ( Xagena )

Muller MC et al, Blood 2009; 114: 4944-4953