EmatologiaNews.net


News

Bortezomib , un inibitore del proteasoma , nel trattamento dei pazienti con tumori ematologici refrattari

Uno studio clinico di fase I ha valutato la dose massima tollerata, la tossicitÓ dose-limitante (DLT) e la farmacodinamica del Bortezomib, un inibitore del proteasoma ( farmaco precedentemente conosciuto con la sigla PS-341 ) , nei pazienti con tumori ematologici refrattari. Un totale di 27 pazienti hanno ricevuto 293 dosaggi di Bortezomib, tra cui 24 cicli completi. La tossicitÓ dose-limitante a dosaggi superiori a 1,04 mg/m(2), comprendeva: trombocitopenia, iponatriemia , ipokaliemia, senso di stanchezza e malessere. Il Bortezomib ha indotto lĺinibizione del proteasoma 20S in modo tempo-dipendente. Questa inibizione Ŕ risultata anche correlata al dosaggio in milligrammi per metro quadro e al dosaggio totale. Da questo studio preliminare Ŕ emerso che il Bortezomib Ŕ ben tollerato al dosaggio 1,04mg/m(2), tuttavia i pazienti dovrebbero essere tenuti sotto osservazione per il manifestarsi di alterazioni elettrolitiche e tossicitÓ ritardata. Il Bortezomib ha mostrato una certa attivitÓ antitumorale contro il mieloma multiplo refrattario e potrebbe trovare impiego anche contro il linfoma non-Hodgkin. ( Xagena2002 ) Orlowski R Z et al, J Clin Oncol 2002 ; 20 : 4420 ľ 4427