EmatologiaNews.net


News

Efficacia del Tositumomab e Tositumomab iodio-131 nel trattamento delle recidive di linfoma non-Hodgkin a cellule B indolente o trasformato

Uno studio di fase II ha valutato l’efficacia e la sicurezza del Tositumomab e del Tositumomab iodio-131 ( Bexxar ) alla prima o alla seconda recidiva di linfoma a cellule B indolente o trasformato. Lo studio è stato condotto su 41 pazienti. Tra il 7° e il 14° giorno è stata somministrata radioattività per una dose totale corporea di 0.75 Gy ( ridotta a 0.65 Gy per i pazienti la cui conta piastrinica è risultata compresa tra 100 e 149 x 10(9)/L ). Il 76% (n=31) dei pazienti ha presentato una risposta ; 20 hanno raggiunto una remissione completa o completa non confermata ed 11 hanno raggiunto una remissione parziale . La percentuale di risposta è risultata simile sia nella malattia indolente ( 76% ) che nella malattia trasformata ( 71% ). Undici pazienti hanno continuato nella loro fase di remissione completa o completa non confermata tra i 2.6 ed i 5.2 anni dopo la terapia. L’incidenza di anemia di grado 3 e 4, di neutropenia e di trombocitopenia è stata, rispettivamente, del 5%, del 45% e del 32%. La mielodisplasia secondaria si è presentata in 1 caso. In 4 pazienti sono stati sviluppati anticorpi umani contro l’antigene murino. In 5 pazienti su 38 valutabili hanno presentato un innalzamento dei livelli di ormone stimolante la tiroide ( TSH ) ; un solo paziente ha necessitato del trattamento con Tiroxina. Questo studio ha mostrato che una singola dose di Tositumomab e di Tositumomab iodio-131 ha protto un’alta percentuale di remissione completa nei pazienti con recidive di linfoma non-Hodgkin a cellule B indolente o trasformato. ( Xagena2004 ) Davies A J et al, J Clin Oncol. 2004; 22: 1469-1479